Domande?
Contattaci al numero verde:
800-16-85-35,
dall'estero:
+39 347 4717 348

Il cuscino portafedi per il tuo matrimonio: come scegliere quello giusto

LRRP730BIl cuscino portafedi è uno degli accessori più importanti durante la cerimonia di nozze. È infatti proprio il cuscino portafedi il soffice ed elegante custode di quello che è il vero simbolo del legame di matrimonio: gli anelli nuziali.

Il cuscino portafedi è quindi un oggetto che non passa inosservato e che occorre scegliere con cura.

Il consiglio di base è quello di acquistare o realizzare un cuscino portafedi di dimensioni non troppo piccole, in modo che tutti gli invitati possano ben vederlo durante la cerimonia, ma allo stesso tempo non troppo grande, per far sì che resti comunque un oggetto pratico. Spesso, infatti, durante la cerimonia di nozze l’”incaricato” alla consegna degli anelli agli sposi è un bambino o una bambina, ed è per questo che la praticità è un elemento da non sottovalutare.

I consigli per la scelta del cuscino portafedi

Ma passiamo allo stile. I cuscini portafedi sono in genere realizzati in stoffe luminose come la seta o il raso. Nelle loro declinazioni più tradizionali sono arricchiti da pizzi o nastri in tessuti di pregio. Tuttavia, se lo stile del matrimonio è più casual o shabby, via libera a materiali naturali e grezzi come il cotone, la rafia o la iuta.

LRRP610RLa regola generale è quindi quella di abbinare il cuscino portafedi allo stile scelto per il matrimonio: elegante e classico, casual e colorato, in tonalità pastello o decorato con preziosi ricami, strass e perline. Una buona idea è quello di armonizzarlo all’addobbo scelto per la chiesa o comunque per la location nella quale si svolge la cerimonia. Potrà ad esempio essere dello stesso colore dei fiori o, in alternativa, in una tinta neutra e arricchito con un nastro o dei dettagli dello stesso colore degli addobbi. O, ancora, se l’abito della sposa ha un dettaglio a contrasto, è un’ottima idea quella di richiamare questo particolare sul cuscino.

Si può poi arricchire il cuscino portafedi con un piccolo tocco floreale, ad esempio con un rametto di nebbiolina bianca o con un fiore dello stesso tipo di quelli scelti per l’addobbo o per il bouquet della sposa. L’importante, in questo caso, è che si tratti di fiori freschi, molto più eleganti e sicuramente più d’effetto. I fiori possono essere applicati sul cuscino portafedi anche poco prima della cerimonia, così da evitare il rischio che appassiscano o perdano la loro bellezza in attesa…della sposa!

Ovviamente sul cuscino portafedi non deve mancare il nastrino che tiene insieme i due anelli. Il nastrino deve essere annodato facendo un fiocco fermo ma allo stesso tempo leggero, in modo che al momento dello scambio delle fedi sia semplice per lo sposo scioglierlo e prendere l’anello.

Volete stupire? Ecco qualche idea:

- Si può inserire il cuscino in uno scrigno o portagioie, che gli sposi apriranno al momento dello scambio delle fedi. Effetto-curiosità assicurato!

- Se il matrimonio ha un tema molto particolare, ad esempio il mare, si possono applicare sul cuscino portafedi dei piccoli oggetti che lo richiamano, in questo caso delle conchiglie vere o una rete sottile in rafia.

- Il cuscino porterei può essere personalizzato dai nomi degli sposi ricamati a mano: un’idea raffinatissima, perfetta per una cerimonia in stile retro o rustico.

In definitiva, anche per quanto riguarda il cuscino portafedi non c’è limite alla fantasia, purché si rispettino sempre le regole dell’eleganza e della praticità.

Lascia un Commento